Accesso al pannello di amministrazione dell'eshop >> (Questo messaggio lo vedi solo tu!)

Giovanni Micheletto, il “Conte di Sacile“

Alba edizioni, 2018 – 140 pagine, Giacinto Bevliacqua, ISBN 9788899414337

10,00
10,00

Disponibile su richiesta, contattaci

La straordinaria biografia di Giovanni Micheletto (1889-1958), ciclista e imprenditore di successo, attivo nella Resistenza. Fra i più forti corridori europei anteguerra, Micheletto vinse il Giro di Lombardia nel 1910, il Giro d’Italia nel 1912 con l’Atala, la Parigi-Menin (primo italiano a vincere una corsa in linea all’estero) e la prima tappa del Tour de France nel 1913.

Abile imprenditore nel settore vinicolo, durante la Resistenza militò nel Comitato di Liberazione nazionale della sua città, Sacile.

Nel secondo dopoguerra si distinse come presidente dell’ospedale cittadino. Durante l’attività ciclistica venne soprannominato “Conte di Sacile” per i suoi modi garbati e il vezzo di soffiarsi il naso con il fazzoletto anche in corsa.

Leggi l'incipit

Si dice che il freddo tempri il carattere e che formi una forza di volontà particolarmente spiccata. Deve essere stato il caso di Ettore Giovanni Micheletto, venuto alla luce a Sacile il 23 gennaio 1889. Di famiglia cattolica molto conosciuta anche fuori città, il bimbo venne battezzato il 2 febbraio. I genitori Luigi Micheletto (1854 – 1922) e Caterina Marchi (1863 – 1949)erano attivi già da qualche anno nel campo del commercio. Luigi, di schiatta originaria a quanto pare della zona di Pieve di Soligo, era un piccolo rivenditore di vini con spaccio gestito in Foro Boario. Più fortunata doveva essere l’attività di Caterina. La donna, ricordata come aitante ed energica, perfettamente a suo agio nel trattare clienti di provenienza e di ceto sociale diverso, invece discendeva da un’agiata famiglia di ristoratori provenienti da Maniago. La siora Catina, com’era universalmente conosciuta, gestiva un’avviata osteria con cucina, “Al pesce”, che si affacciava su piazza del Popolo, il cuore pulsante della Sacile della bella epoque. Con mestiere e cortesia, anzi, Catina divenne conosciuta per le sue specialità tipiche: il pesce, il muscolo di manzo, il risotto di pesce e la minestra di riso e fagioli, piatti serviti in porzioni abbondanti ma a prezzo contenuto. All’angolo con via dei Molini, il locale, che offriva pure la possibilità di alloggiare, presentando alcune camere, era meta fissa di quanti frequentavano gli affollati mercati e la fiera di San Lorenzo, l’appuntamento agostano che aveva già reso famosa Sacile. Giovanni Ettore era il secondogenito di Luigi e Catina, fratello minore di Achille (1886-1925) e maggiore di Ida (1891-1913) e Maria (1894-1983). Curiosamente, la storia della famiglia Micheletto si intreccia a quella dello sviluppo della più importante manifestazione pubblica, la Sagra dei Osei. Autorevoli storici della vita cittadina, infatti, riportano che proprio nell’osteria “Al pesce” venne partorita l’idea di trasformare il mercato di San Lorenzo, di antichissime origini, in una fiera moderna e in grado di rilanciarsi e di durare nel tempo. Una sera del 1909 accadde che tre amici nonché figure di spicco quali Giovanni Bozolo, che era cancelliere presso la pretura, Enrico Nono, uomo di cultura fratello del noto pittore Luigi, e Giuseppe Marchesini, al tempo autorevole segretario comunale e successivamente autore della fondamentale opera “Annali di Sacile”, fra un bicchiere di vino e un manicaretto, pensarono di far decollare il piccolo mercato agreste, nel corso del quale, nel breve scorrere della mattina del 10 agosto, ricorrenza di san Lorenzo, si vendevano e si acquistavano attrezzi per il lavoro agricolo, pollame e selvaggina, dolci e frutta ma anche uccelli e oggetti per l’uccellagione. Bozolo, Nono e Marchesini ebbero intuito nel capire quale aspetto del mercato sviluppato, anche con un’adeguata propaganda. Cercati e ottenuti i finanziamenti necessari, infatti, venne indetta una gara canora e promozionato il programma in modo tale da attirare l’attenzione e l’interesse dei visitatori di tutto il Veneto e dei giornali anche nazionali, fino a conquistare il Corriere della Sera e la Domenica del Corriere.

Continua lo shopping! scopri altri prodotti della sezione giacinto bevilacqua o di Alba Edizioni