Premio Speranza 2014

pubblicato in: Comunicato, Eventi, Senza categoria | 0

Simone Andreetta è il vincitore del Premio Speranza 2014.

faverovito2Il riconoscimento, dedicato da Alba edizioni alla memoria di Vito Favero, l’indimenticato asso del ciclismo italiano degli anni Cinquanta, verrà assegnato sabato 25 ottobre nel corso della Festa del ciclismo della Marca in programma presso l’auditorium della Provincia di Treviso partire dalle 15.30.

Il Premio Speranza ha una duplice valenza: ricordare la figura umana e sportiva di Vito Favero e portare fortuna a una giovane promessa del ciclismo.

Favero, originario di Sarmede, ci ha lasciato lo scorso 16 maggio all’età di 82 anni. È stato professionista con le maglie di Bottecchia, Atala-Pirelli e Torpado dal 1956 al 1962, vincendo sei corse fra le quali due tappe del Giro d’Italia (Pescara – Napoli nel ’57 e Genova – Torino nel ’59) e una del Tour de France (Metz – Namur nel ’59). Nel 1958 si è classificato 2° al Tour de France dopo aver indossato la maglia gialla per nove giorni e 4° ai campionati mondiali di Reims. Persona saggia e umile, ha lasciato un grande ricordo nelle persone che hanno avuto il piacere di conoscerlo.

Per la prima edizione del premio la scelta è ricaduta su Andreetta, ventunenne di San Vendemiano che dal 2015 correrà tra i professionisti con la maglia della Bardiani-Csf. Simone, figlio dell’ex professionista Tranquillo, ha appena concluso la sua terza stagione da under 23 con la Zalf Euromobil Desiree Fior conquistando cinque vittorie (il Memorial Gerry Schiavon a Longa di Schiavon, il 76° Giro del Belvedere internazionale a Villa di Cordignano, il Trofeo Marziali Secondo a Monte Urano, la Bassano – Monte Grappa a Bassano del Grappa e la quarta del Giro internazionale della regione Friuli Venezia Giulia a Castelmonte) ed è stato riserva ai campionati mondiali su strada di Ponferrada.

Il Premio Speranza – Memorial Vito Favero sarà assegnato a Simone Andreetta dalla signora Giuseppina Furlan con i figli Tiziana e Paolo e dal titolare di Alba edizioni, Giacinto Bevilacqua.