Pedalare nel fango. Il ciclocross raccontato dai protagonisti.

Il ciclocross è gareggiare nei campi cantando sotto la pioggia, riscaldando il gelo, avventurandosi nel vento, accorciando l’inverno. Il ciclocross è pedalare e correre, pedalare a forza di corsa e correre a forza di pedali. Il ciclocross è immaginare una strada e trovare una pista, sperare che siano pozzanghere e non pozzi, schizzare al pronti-via, schizzare e schizzarsi, tuffarsi, remare, guardare, traghettare.

Il ciclocross è rugby in bicicletta, è i 3 mila siepi senza keniani, è pallanuoto a due ruote. Il ciclocross è il piacere di toccare il fondo per non affondare, tant’è che è una specialità fondata per fondisti, per mezzofondisti, per gente in gamba, ma in gamba anche di braccia, di testa e di cuore. Il ciclocross è il bello del fango: fango, sudore e, che si vinca o si perda, lacrime (dalla prefazione di Marco Pastonesi).

  • CARLO GUGLIOTTA - Pedalare nel fango
  • Alba edizioni, 2016
  • - 140 pagine, 14€ ISBN 9788899414108